Crea sito

avvocatovalentinacardani

Sicuramente non può esservi sfuggita la diffusione sulle strade del monopattino elettrico, soprattutto anche a seguito della recente emergenza “coronavirus” che ha spinto sempre più italiani ad abbandonare i mezzi pubblici in favore di altri mezzi di trasporto sostenibili.

Il monopattino è dunque uno strumento di mobilità alternativa che consente di ridurre e sostituire l’uso dell’auto, nonché di muoversi più agevolmente nel traffico cittadino.

Per queste ragioni sono stati previsti anche incentivi e bonus per favorire l’acquisto dei mezzi di “micromobilità” (di questo ci occuperemo in un altro articolo).

E così, Il monopattino elettrico è diventato un mezzo di trasporto di grande attualità, così come i “colleghi” segway, hoverboard, monowheel.

Non può però esservi sfuggito nemmeno il tragico bollettino degli ultimi tempi che riporta, purtroppo, sempre un maggior numero di vittime della cd. microcircolazione.

Per questa ragione, ci è sembrato importante soffermarci sulle regole che disciplinano la circolazione dei monopattini elettrici.

Quali sono le regole attualmente in vigore per la circolazione dei monopattini elettrici?

La normativa in materia si rinviene oggi nella legge 28 febbraio 2020, n. 8, che ha convertito con modificazioni il decreto-legge cosiddetto “decreto milleproroghe” (legge 27 dicembre 2019, n. 160G.U. 304 del 30 dicembre 2019 supplemento).

I monopattini elettrici vengono così equiparati ai velocipedi (art. n. 75 milleproroghe).

In precedenza, la normativa era contenuta nel cd. DM Micromobilità che risale al 4 giugno 2019 e pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale 162 del 12 luglio 2019.

La legge 8/2020 sottolinea che la comparazione con le biciclette è riservata solo ai “monopattini che rientrano nei limiti di potenza e di velocità” definiti dal DM già citato dello scorso 4 giugno, mentre rimangono esclusi da tale comparazione segway, hoverboard e monowheel.

La circolazione dei monopattini elettrici, per effetto dell’equiparazione ai velocipedi, non è soggetta a particolari prescrizioni relative all’omologazione, approvazione, immatricolazione, targatura, copertura assicurativa.

I monopattini potranno essere usati solo da chi ha più di 14 anni e solo sulle strade urbane dove è previsto il limite dei 50 km/h (dove non è vietata la circolazione dei velocipedi) e sulle strade extraurbane, ma solo sulle piste ciclabili.

Per circolare su strada, però, devono rispondere a specifiche caratteristiche:

  • avere un motore elettrico di potenza nominale continuativa non superiore a 0,50 kW (500 watt);
  • non essere dotati di posto a sedere per l’utilizzatore perché destinati ad essere utilizzati da quest’ultimo con postura in piedi;
  • essere dotati di limitatore di velocità che non consenta di superare i 25 Km/h quando circolano sulla carreggiata delle strade e i 6 km/h quando circolano nelle aree pedonali;
  • essere dotati di un campanello per le segnalazioni acustiche;
  • riportare la marcatura «CE»;
  • avere i componenti specifici per i monopattini elettrici;
  • da mezz’ora dopo il tramonto, durante tutto il periodo dell’oscurità, e di giorno, qualora le condizioni atmosferiche richiedano l’illuminazione, devono essere equipaggiati con luci bianche o gialle anteriori e con luci rosse e catadiottri rossi posteriori per le segnalazioni visive ed in mancanza non possono essere utilizzati, ma solamente condotti o trasportati a mano.

Secondo la norma, “Chiunque  circola  con  un  monopattino   a propulsione   prevalentemente   elettrica   in    violazione    delle disposizioni  del  presente   comma  è soggetto   alla   sanzione amministrativa del pagamento di una somma da euro 100 a euro 400”. Nel caso il veicolo non  rispetti le prescrizioni tecniche e  costruttive definite dal decreto del Ministro delle infrastrutture  e  dei trasporti 4 giugno 2019, é prevista la sanzione amministrativa del pagamento di una somma da euro 100  a  euro  400.

Secondo l’art. 75 quater, poi, i conducenti dei monopattini dovranno indossare il casco se minorenni, procedere su unica fila in tutti i casi in cui la condizione della circolazione lo richieda e, comunque, mai essere affiancati in numero superiore a due; dovranno avere libero uso delle braccia e delle mani, reggere il manubrio sempre con entrambi le mani, salvo che non sia necessario segnalare la manovra di svolta. Non si potranno trasportare altre persone, oggetti o animali e trainare veicoli, condurre animali e farsi trainare da altro veicolo; da mezz’ora dopo il tramonto, durante tutto il periodo dell’oscurità e di giorno, quando le condizioni atmosferiche richiedano l’illuminazione, i conducenti a propulsione prevalentemente elettrica hanno l’obbligo di indossare il giubbotto o le bretelle retroriflettenti ad alta visibilità. Tutte le violazioni indicate in questo comma prevedono la sanzione amministrativa da euro 50 a euro 200.

Altra importante novità, riguarda l’attivazione di servizi di noleggio di monopattini a propulsione prevalentemente elettrica, anche in modalità free-floating.

L’art. 75 septies demanda ad apposita delibera di Giunta Comunale nella quale dovranno essere previsti: il numero di licenze attivabili; il numero massimo di dispositivi messi in circolazione; l’obbligo di copertura assicurative per l’effettuazione del servizio stesso; le modalità di sosta per i dispositivi; le eventuali limitazioni alla circolazione in determinate aree della città.

Per tutti i veicoli atipici a motore per i quali non sono state determinate, con decreto ministeriale, le caratteristiche costruttive e funzionali, scatterà la medesima sanzione prevista per i monopattini a motore non equiparabili alle biciclette.

La norma, oltre a prorogare di dodici mesi il termine di conclusione della sperimentazione, portandolo al 27 luglio 2022,  disciplina la circolazione dei monopattini elettrici, anche al di fuori dell’ambito della sperimentazione, e dei segway, hoverboard, monowheel e degli analoghi dispositivi elettrici di mobilità personale.

Si segnala, per completezza, anche la circolare esplicativa del Servizio della Polizia Stradale del 9 marzo 2020.

Lo Studio legale rimarrà aperto per necessità fino al 14 agosto. Dal 14 al 30 agosto potrete contattarci via whatsapp e via e-mail

Contina a Leggere

Continuando nella trattazione, passiamo ora ad analizzare uno degli aspetti di maggiore interesse pratico relativo ai rapporti di famiglia. Prima di procedere è però necessario specificare che l’art. 147 c.c., tra tutti, pone in capo ai genitori un dovere, un obbligo, di mantenere i figli. Il genitore collocatario (ovverosia quello con cui vive la prole) […]

Contina a Leggere

Fino ad ora abbiamo esaminato le regole che disciplinano la “crisi” della famiglia; occorre ora soffermarsi su qualche aspetto pratico. E’ indubbio infatti che, soprattutto in periodi emergenziali quale quello che abbiamo appena affrontato, quelle che sono le regole devono cedere il passo a soluzioni pratiche di buon senso che privilegino i diritti alla forma. […]

Contina a Leggere

Fino ad ora abbiamo analizzato gli aspetti connessi a coppie legate da un vincolo matrimoniale e della regolamentazione della fine della relazione in questa situazione in cui il distanziamento sociale ci impone di limitare al minimo gli spostamenti e, conseguentemente, la presenza in Tribunale. Cosa accade, però, alle coppie non sposate che decidono di interrompere […]

Contina a Leggere

In questo nuovo appuntamento della nostra guida, affronteremo il tema delle separazioni e divorzi già avviati o da avviare davanti al Tribunale. Nel presente contributo, prenderemo in particolare in esame le linee guida predisposte dal Consiglio Nazionale Forense in data 20 aprile 2020. Tali linee guida si rivolgono a tutti gli Ordini degli Avvocati nonché […]

Contina a Leggere

Lo Studio Legale riapre anche per gli appuntamenti! Sappiamo che ormai vi siete abituati a mascherine e disinfettante… Ma vi vogliamo ricordare alcune semplici regole da rispettare in occasione dei nostri prossimi incontri.

Contina a Leggere

Proseguendo nella trattazione della rubrica inerente ai rapporti di famiglia, il presente contributo si propone di elencare i vantaggi e gli aspetti pratici dell’utilizzo della negoziazione assistita soprattutto in relazione al periodo di emergenza sanitaria in atto. Per Ogni Altra Domanda: Avv. Valentina Cardani Via Prina, 23 28100 Novara Tel. 0321.1696366 E-mail: [email protected] Avv. Ilaria Fortina […]

Contina a Leggere

La presente rubrica si propone per essere una guida a tutti i rapporti riguardanti il diritto di famiglia. Unitamente alla Collega avv. Ilaria Fortina, abbiamo pensato di creare e proporvi un breve prontuario al fine di agevolarvi nelle questioni che riguardano i rapporti personali e familiari, anche e soprattutto in relazione al delicato periodo che […]

Contina a Leggere

Nelle scorse settimane, come ormai noto, sono entrate in vigore una serie di misure restrittive che hanno coinvolto la maggior parte dei settori produttivi e che hanno inciso sulle nostre quotidiane abitudini di vita. Tali restrizioni hanno inevitabilmente coinvolto anche il settore Giustizia. Il DL 17 marzo 2020 n.18, cd. “Cura Italia” recante le “Misure di […]

Contina a Leggere

×

Buongiorno!

Clicca sull'immagine qui sotto per aprire la chat WhatsApp oppure manda una email all'indirizzo [email protected]

× Come possiamo aiutarti?